Bruxelles (Belgio) - 14 Ottobre 2020

L’Energy Efficient Mortgages Initiative entra nella terza fase con il lancio del Piano di Implementazione del Mercato dei Mutui ad elevata Efficienza Energetica (EeMMIP)

L’European Mortgage Federation-European Covered Bond Council (EMF – ECBC) e i partner del Consorzio da essa coordinato - che oltre a CRIF vede il coinvolgimento di Università Ca’ Foscari di Venezia, Copenhagen Economics, E.ON, The Scottish Government e Provincia autonoma di Trento - hanno annunciato ufficialmente il lancio del Piano di Implementazione del Mercato dei Mutui ad elevata Efficienza Energetica (EeMMIP). La terza fase dell’Iniziativa sui Mutui Ipotecari per l’Efficienza Energetica (EEMI), guidata da EMF – ECBC, fornisce una risposta concreta alla richiesta della Commissione Europea di coinvolgere gli attori del mercato privato nel finanziamento della transizione energetica e nel supportare la transizione verso un futuro più sostenibile.

Nello specifico, EeMMIP rappresenterà un tassello fondamentale per sviluppare i mutui ad alta efficienza energetica (EEM), fornendo condizioni preliminari per garantire un mercato integrato in Europa e un modello sia per i mercati consolidati che per quelli emergenti in tutto il mondo, attraverso:

  • ricerche approfondite sui consumatori e sul mercato
  • creazione di un’etichetta per il Mutuo ad elevata Efficienza Energetica
  • esempi di mercato
  • cooperazione istituzionale
  • linee di indirizzo sull’inclusione dell’efficienza energetica nella valutazione del rischio di credito e nella vigilanza prudenziale.

Nel pieno di un periodo turbolento e di crisi, con gravi implicazioni socioeconomiche a livello globale, l’iniziativa EeMMIP risulta oltremodo tempestivo e rilevante se inserito nel piano di rilancio dopo la pandemia COVID-19: in base ai precedenti risultati dell’Iniziativa sui Mutui Ipotecari per l’Efficienza Energetica (EEMI), come la tassonomia standardizzata attraverso la definizione del mutuo ad elevata efficienza energetica (EEM), e la dimostrazione della correlazione tra efficienza energetica e performance dei mutui, EeMMIP rappresenta quindi un contributo significativo da parte del settore dei mutui a sostegno della ripresa. Da parte sua, la Label EEM relativa ai Mutui ad elevata Efficienza Enrgetica, tesa a fornire un fattore distintivo chiaro e trasparente per consumatori, prestatori e investitori, ha il potenziale per contribuire a garantire che la ripresa dell’Europa sia “verde”.

Infine, la tempestività di EeMMIP è ulteriormente sottolineata dal fatto che coincida con la pubblicazione della Renovation Wave Communication da parte della Commissione Europea. Infatti, EeMMIP e EEMI daranno un importante contributo alla Renovation Wave, parte del Green Deal europeo, che potrebbe rappresentare un elemento chiave per il programma di ripresa post Covid-19 per il contributo e lo stimolo fornito all’attività economica.

Grazie al lavoro congiunto del Consorzio, il mercato dei mutui rimane più che mai impegnato a svolgere il proprio ruolo di finanziamento a sostegno dell’economia reale, in particolare in questo momento di crisi senza precedenti e in linea con la finanza sostenibile, le politiche ambientali e gli obiettivi posti dalle Iatituzioni Europee.

“Siamo molto felici di vedere la continuazione di EEMI attraverso questo terzo progetto, che mira, concretamente, a lanciare mutui ad elevata efficienza energetica in ambiti dimostrativi di mercato nell’UE. Questi ‘dimostratori’ combineranno incentivi del settore privato con sussidi del settore pubblico e garantiranno concreti vantaggi per i clienti. In particolare crediamo che i mutui per l’alta efficienza energetica possano giocare un ruolo fondamentale nel supportare il piano per la ripresa post COVID-19 e nel rendere l’EU Green Deal e il suo Renovation Wave una grande opportunità per stimolare tutti i cittadini europei a investire sulle proprie abitazioni” – ha commentato Luca Bertalot, coordinatore di EeMMIP.

 

Frank Meyer, Senior Vice President B2C & E-Mobility Global di E.ON SE ha spiegato:

“La nostra visione è quella di creare un domani migliore, rendendo la transizione energetica accessibile e facile per tutti. Pertanto siamo orgogliosi che, insieme al supporto degli altri nostri partner del Consorzio, possiamo portare la voce dei clienti in prima linea nell’Energy Efficient Mortgage Iniativie (EEMI). La ristrutturazione degli immobili grazie a un mutuo efficiente dal punto di vista energetico può portare a bollette energetiche più basse, tassi più bassi sui mutui e a ridurre le emissioni di CO2 in tutta Europa”.

Monica Billio, Professore Ordinario dell’Università Ca’ Foscari di Venezia ha dichiarato:

“È un grande piacere continuare a far parte dell’iniziativa EEMI con questo terzo progetto. Siamo convinti che l’utilità dell’iniziativa sia ancora più forte e rilevante nell’attuale situazione di emergenza, con la necessità di programmare la ripresa. Siamo fiduciosi che, come per i progetti precedenti, il lavoro del Consorzio possa davvero incrementare le opportunità per i cittadini europei e il mercato dell’efficienza energetica”.

Stefano Magnolfi, Exective Director di CRIF RES ha detto:

“Siamo lieti di far parte del nuovo capitolo di EEMI dopo il l’esperienza di successo del progetto EeDaPP. Crediamo fermamente che sia il momento giusto per validare e implementare mutui energeticamente efficienti, in particolare attraverso l’analisi delle attuali esigenze del mercato e l’identificazione degli attori rilevanti. La sinergia con i ‘demonstrators’ di mercato, la Provincia Autonoma di Trento e il Governo Scozzese, permetteranno di raggiungere questi risultati fondamentali”.

Sigurd Næss-Schmidt, Director of Economics presso Copenhagen Economics ha commentato:

“Gli investimenti nell’efficienza energetica degli edifici europei sono un aspetto importante della transizione green. Un trattamento equo dei mutui verdi, dalla prospettiva di gestione del rischio di credito, è essenziale per permettere un corretto pricing dei finanziamenti per questo tipo di investimenti. Questo ha il potenziale per rendere gli investimenti negli edifici green più accessibili, contribuendo contemporaneamente ad un sistema finanziario stabile”.

Toby Tucker, del programma Energy Efficient Scotland del Governo Scozzese, ha illustrato:

“Il Governo Scozzese è entusiasta di essere stato coinvolto in uno dei progetti dimostrativi di mercato durante questa fase dell’Iniziativa EEM. Ciò offre una grande opportunità per supportare lo sviluppo continuo di soluzioni esemplari, innovative e pratiche al fine di fornire e finanziare misure di efficienza energetica nelle nostre case e negli edifici. Il progetto aiuta a contribuire alla tanto necessaria ripresa green e alla transizione verso un’economia a zero emissioni nette”.

Laura Boschini, Head of the Water Resources and Energy provincial Agency – Provincia Autonoma di Treno, ha aggiunto:

“La Provincia di Trento sta lavorando da anni al coinvolgimento degli stakeholder, all’informazione e alla sensibilizzazione dei cittadini relativamente alla ristrutturazione degli edifici; per questo siamo lieti di mettere a disposizione la nostra esperienza per realizzare gli obiettivi di EeMMIP. Il nostro scopo è anche quello di valorizzare l’attenzione del mercato per la ristrutturazione dell’edificio, visto il recente mutamento del panorama fiscale italiano legato all’introduzione del Superbonus 110%”.

Per maggiori informazioni: marketingres@crif.com