Milano e Bologna, 13 luglio 2020

Open Business: CRIF entra nel capitale di Yolo e si rafforza nell’insurtech

Con questa operazione, CRIF contribuirà insieme ad altri investitori al percorso di crescita di YOLO e rafforza l’ecosistema di partner della propria piattaforma CRIF Digital Next.


CRIF è entrata nel capitale di YOLO - il primo gruppo italiano di servizi e d'intermediazione assicurativa digitale - nell’ambito di un’operazione che ha visto l’azienda insurtech completare un aumento di capitale di tre milioni di euro e ampliare la propria compagine azionaria con l’ingresso come lead investor di Neva Finventures (il Corporate Venture Capital che fa capo a Intesa Sanpaolo Innovation Center e già azionista Yolo dal 2019) e Intesa Sanpaolo Vita, oltre a Banca di Piacenza e Be Shaping the Future.

Le nuove risorse finanziarie ottenute nel round di investimento saranno impiegate da YOLO per proseguire il percorso di sviluppo che ha portato la società, dopo due anni e mezzo di operatività, ad affermarsi come operatore primario dell’insurtech italiano con una proiezione internazionale. YOLO ha chiuso il 2019 con ricavi per circa due milioni di euro e l’emissione di 100.000 polizze. Tra gli obiettivi dell’anno in corso, l’estensione del portafoglio d’offerta a nuovi settori: nel primo semestre nelle polizze per le PMI, entro l’anno con il lancio di un prodotto nel segmento auto.

Con questa operazione, CRIF contribuirà al percorso di crescita di YOLO e conferma di puntare sul settore insurtech e dei servizi digitali innovativi, che assume un ruolo rilevante nell’ambito del posizionamento innovativo di CRIF e della sua proposta di valore verso i player di settore e i loro clienti finali.

Oggi consumatori e PMI sono sempre più esigenti e considerano un prerequisito una customer experience intuitiva e veloce. Nell’era dell’Open Business aziende di credito, compagnie di assicurazione e imprese possono far crescere il business e innovare nella relazione con i propri clienti lungo l’intero loro ‘journey’, ampliando l’offerta di servizi a valore aggiunto (VAS) e attraverso un ecosistema abilitato da tecnologie innovative in grado di portare un significativo valore a tutti gli attori. L’obiettivo chiave diventa, quindi, offrire ai clienti finali una soluzione efficace al momento giusto e l’esperienza più semplice, immediata e di qualità.

In questo contesto, CRIF ha realizzato la piattaforma aperta e modulare CRIF Digital Next, che consente anche l’orchestrazione di un Ecosistema di Partner per rispondere alle esigenze più diverse e sofisticate, attraverso servizi altamente performanti.

“Siamo convinti che l’insurtech abbia un potenziale di crescita elevato, tanto più nello scenario attuale, caratterizzato da una maggiore sensibilità di persone e imprese alla protezione dai rischi e dall’esigenza dei player del mercato assicurativo di sviluppare l’offerta digitale. La fiducia attribuitaci conferma l’interesse degli investitori verso l’insurtech ed è uno stimolo ulteriore a proseguire nel percorso di sviluppo tracciato” - ha dichiarato Gianluca De Cobelli, Co-founder e AD di YOLO Group.

“Capitalizzando patrimonio informativo, competenze analitiche, investimenti tecnologici e una costante propensione all’innovazione, CRIF è al fianco di player finanziari, assicurazioni e imprese in Italia e in numerosi Paesi nel mondo con una piattaforma e un ecosistema di servizi in grado di supportarli, in maniera unica, nel cogliere concretamente tutte le opportunità dell’open business e della trasformazione digitale per raggiungere il ‘next level’. Anche per questo siamo felici di consolidare ancora di più con questa operazione la relazione di business che ci lega a Yolo e di accoglierla nella piattaforma CRIF Digital Next, nella quale Yolo potrà contribuire a generare ecosistemi ad alto valore aggiunto in logica open banking per far evolvere la user experience dei nostri clienti” – commenta Silvia Ghielmetti, Direttore Generale di CRIF.