La gestione in outsourcing dei Non Performing Loans da parte di CRIF Credit Servicing prevede l’impiego delle più efficaci strategie di collection in base al singolo portafoglio NPL e si avvale di processi massivi di recupero di tipo stragiudiziale e giudiziale per massimizzarne il valore.

In base alla definizione delle diverse strategie vengono determinati specifici workflow che possono comprendere le seguenti attività, in maniera modulare a seconda delle specifiche esigenze e fino a una gestione end-to-end dell’intero processo:

1. Boarding del portafoglio e scansione documentale: in questa fase viene definito nel dettaglio il tracciato di input con le informazioni necessarie e sufficienti per il caricamento delle pratiche sui sistemi CRIF. Nel caso di un portafoglio in formato cartaceo, CRIF può effettuare per conto dell’istituto l’attività di scansione e digitalizzazione documentale.

2. Arricchimento informativo: processo attraverso il quale il portafoglio viene arricchito di dati provenienti da differenti fonti, essenziali per la futura segmentazione e definizione di una strategia specifica sui singoli asset.

3. Segmentazione del portafoglio: l’attività inizia con l’analisi e lo studio dei singoli fascicoli e viene svolta da team composti da esperti Legali, Real Estate e Asset manager che si occupano di creare e alimentare i database di CRIF. L’obiettivo dell’attività di segmentazione di CRIF Credit Servicing è quello di individuare, in funzione di regole predefinite, le migliori strategie di gestione per le diverse asset class.

4. Gestione in servicing: in base alle diverse strategie definite vengono determinati specifici workflow di processo che possono comprendere:

  • attività di recupero crediti con processi massivi giudiziali e stragiudiziali;
  • monitoraggio performance e portafoglio (Portfolio Leader dedicato, reportistica periodica calibrata in base alle esigenze dei sistemi e della banca, monitoraggio in tempo reale del portafoglio in termini di profilo di rischio e patrimoniale dei debitori e garanzie).

5. Supporto alla cessione: nel caso l’istituto decida di aprire alla cessione di portafogli o porzioni di essi, CRIF Credit Servicing lo accompagna nelle varie fasi e processi, fino alla definizione del pricing.

Per maggiori informazioni: marketingservicing@crif.com

Success story correlate

  • BPER_266x180.jpg
    BPER

    La gestione delle sofferenze con CRIF Servicing

    All’inizio del 2016 BPER ha messo in atto un attento processo di selezione dei servicer esterni basato su criteri quali presidio territoriale nazionale, capacità produttiva, gestione del processo end to end, business planning e reporting.

Prodotti correlati

Due Diligence dei portafogli NPL

​Per comprendere al meglio le potenzialità del portafoglio NPL, l’attività di valutazione di CRIF Credit Servicing include una fase iniziale di assessment, seguita dall’arricchimento informativo e dalla segmentazione degli asset.

Gestione delle garanzie consortili

CRIF Credit Servicing include nel proprio team specialisti nella gestione delle garanzie consortili per offrire ai clienti la completa esternalizzazione del processo.