01/04/2021

Per il kick-off annuale di CRIF Global Technologies piantata una foresta di 200 alberi

Nelle settimane scorse si è svolto il global annual kick-off 2021 di CRIF Global Technologies, la divisione IT di CRIF. La divisione conta oltre 1.500 collaboratori nel mondo e una struttura organizzata a livello di Headquarter, con sedi decentralizzate per supportare meglio i mercati di riferimento, e di hub, attualmente localizzati in India, Slovacchia e Polonia. 

La giornata si è aperta con i ringraziamenti di Davide Raitano, CRIF Corporate Chief Information Officer: “Sono stati mesi nei quali lo sforzo corale ed encomiabile dell’intera Divisione mi ha riempito di orgoglio e profonda riconoscenza. In questi mesi, così funesti, non è mai venuto a meno il nostro senso di comunità ed unione. Oggi più che mai, il ruolo di CRIF Global Technologies è quello di accompagnare la trasformazione digitale dei nostri clienti. Infatti, applicando nello sviluppo di un prodotto innovativo l’approccio Minimum Viable Product (MVP) - come compromesso temporaneo e funzionante - investighiamo accuratamente le nuove opportunità di business. Le infrastrutture che abbiamo a disposizione per realizzare MVP sono molteplici, tra cui le varie declinazioni del Cloud; tecnologia che conosciamo approfonditamente e dalla quale sappiamo sfruttare appieno i benefici” – ha spiegato Raitano.

Durante il meeting sono intervenuti anche Mirko Tedaldi, Global IT Solutions Director: “Questo periodo così complesso e caratterizzato da forze opposte e interconnesse richiede la capacità di adattarci agilmente al diverso scenario che ci troviamo davanti e che ci chiedono i nostri clienti”.

A seguire Alberto Valentini, Global IT Cybersecurity Director: “L’area Cybersecurity di CRIF da un lato protegge gli asset tecnologici del Gruppo, dall’altro lato abilita il business attraverso la consulenza nei progetti e durante gli audit, nonché migliora i processi e l’architettura enterprise”.

Gli fa eco Fausto Gentili, IT Infrastructure & Operations Director: “L’organizzazione di CRIF così capillare, agile e dalla spiccata visione globale ci permetterà di affrontare le sfide di domani”.

Infine Pinkes Ambvat, Chief Information Officer India: “Ci tengo, infatti, a sottolineare il valore delle pratiche che l’India ha mutuato dall’Headquarter: architettura a microservizi, pratiche Agili, DevOps e la revisione periodica della sicurezza e della qualità del codice prodotto”.

Un segno tangibile di riconoscenza per tutti i colleghi impegnati in questo anno così difficile è stata la scelta di dedicare a CRIF Global Technologies una foresta di oltre 200 alberi che verranno piantati in Tanzania, Kenya, Colombia e Nepal. Una donazione all’insegna della sostenibilità ambientale a conferma della sensibilità che da sempre il Gruppo riserva per queste tematiche.

La donazione è stata possibile con l’aiuto della piattaforma online Treedom che si occupa di finanziare progetti agroforestali in tutto il mondo.

Segui lo sviluppo della foresta di CRIF Global Techologies!