12/02/2019

Innovation for the Next Level: CRIF presenta una panoramica completa sul tema “Data & NPL management”

Nell’era della Digital Transformation, CRIF rimane al passo sui temi dell’evoluzione tecnologica e dell’open banking, promuovendo tra le varie iniziative gli Innovation Morning, una serie di workshop che si terranno nel corso del 2019 e che rappresentano una novità assoluta sul mercato Italia.

Oltre 100 professionisti nel settore del credito si sono incontrati a Milano lo scorso 6 febbraio per il primo appuntamento dell’anno: DATA & NPL MANAGEMENT”, un momento di confronto e di approfondimento con gli esperti per conoscere meglio il valore di CRIF sui temi di compliance e gestione del dato, in particolare per la raccolta delle informazioni sulle sofferenze creditizie.

Tra i tanti i temi affrontati nel corso della giornata, si è discusso delle nuove frontiere per la raccolta e l’analisi di tutti i dati e le documentazioni inerenti le procedure giudiziali, il monitoraggio delle performance dei Legali e deiServicer incaricati, il benchmarking delle performance dell’azienda di credito confrontate con quelle del sistema, e l’importanza del dato “qualificato”.

Dopo l’introduzione dei lavori di Simone Rosti, Senior Director CRIF, insieme a Gabriele Buccioli, Senior Account Manager CRIF, Alberto Sondri, Executive Director CRIF Credit Servicing, ha presentato i servizi dedicati al mercato degli NPL, in particolare “Dai dati gestionali ai dati ufficiali sulle procedure giudiziali - Evolvere nella governance delle performance dei Servicer”.

La mattinata è proseguita con la presentazione delle storie di successo di due principali player sul mercato:

  • Katia Tedesco, Head of Data Intelligence Performance Management di BANCO BPM, che ha riportato un caso concreto di applicazione per la gestione del credito problematico e relativo arricchimento informativo grazie al servizio Legal Eye di CRIF;
  • Fabio Schiera, Responsabile Servizio Data Governance e Reporting Management di Banca Monte dei Paschi di Siena, che ha evidenziato il supporto CRIF in termini di know how, consulenza e data quality per il progetto sulla data governance e l’effetto della compliance normativa, grazie al CRIF INFORMATION CORE, il patrimonio informativo unico sul mercato italiano per completezza e solidità.

L’evento si è concluso con l’intervento del Professor Andrea Resti, Professore Associato all’Università Bocconi, il quale ha presentato un quadro generale sugli NPL e relativo presidio dei dati sui crediti deteriorati, offrendo una panoramica sulle normative e sulla vigilanza per il 2019.

Gli atti dell'evento sono disponibili su CRIF Finance Next, l’app di CRIF dedicata agli operatori del settore per capire e anticipare le prossime evoluzioni del credito, con cui poteraccedere a contenuti esclusivi (https://www.crif.it/app-crif-finance-next/).

Per maggiori informazioni: marketing@crif.com