10/07/2017

Digital & Payment Summit 2017: come la tecnologia influenza i comportamenti d’acquisto? Le sfide per i lender al centro dell’intervento di CRIF

CRIF è intervenuta alla 14esima edizione del Digital & Payment Summit, l’appuntamento annuale di riferimento sull'evoluzione del mercato digitale italiano che ha visto la partecipazione di oltre 700 tra professionisti del settore, rappresentanti delle istituzioni e startupper.

Anastasia Bratanchuk - Associate Account Manager di CRIF - nella sessione “L’innovazione: come la tecnologia sta trasformando i comportamenti d’acquisto…ma le regole?” ha approfondito i temi legati alla trasformazione digitale all’interno degli istituti di credito.

“Con il digitale i consumatori si aspettano di aprire un conto corrente o effettuare transazioni economiche online in qualsiasi momento e luogo. Di conseguenza, gli istituti di credito stanno investendo nella trasformazione digitale per innovare i propri processi e i canali di gestione della clientela e prospect per rispondere al meglio alle esigenze più evolute e limitare i possibili rischi di insoddisfazione nella loro esperienza (es. per siti web non responsivi e non usabili, call center congestionati, ecc.), che può causare la perdita della clientela stessa a favore di player non tradizionali. D’altronde lo scenario è complesso, poiché se da un lato gli istituti devono garantire una customer experience sempre più efficiente dall’altro devono garantire anche il rispetto di tutti i requisiti e obblighi normativi in tema di antiriciclaggio e antifrode” - spiega Bratanchuk.

In questo senso le nuove tecnologie di Know Your Customer a distanza rappresentano una occasione unica per i lender per innovare i propri processi e i canali di acquisizione e gestione delle clientela. Nello specifico, l’implementazione di soluzioni OCR ID Recognition e Video Identity insieme all’ottimizzazione del processo consentono un riconoscimento veloce e sicuro nonché un’autentificazione completa del cliente. Inoltre, l’inclusione della firma digitale certificata permette di sottoscrivere e concludere i contratti a distanza direttamente online, nel rispetto dei requisiti delle normative sulla privacy e data protection e per la tutela dei consumatori.

La tecnologia non abilita unicamente l’onboarding digitale del cliente, poiché può mettere a disposizione nuovi e più ampi set informativi. È proprio la conoscenza dei clienti e prospect e l’identificazione dei loro bisogni le chiavi del successo all’alba dell’avvento della PSD2. Infatti, l’analisi del patrimonio informativo interni ed esterni, insieme a nuove metodologie di advanced analytics e machine learning dà una nuova conoscenza dei clienti, quale fattore chiave per identificare i loro bisogni e dar loro la giusta proposizione.


Scopri il video CRIF end to end customer digital onboarding: dalla richiesta alla firma in pochi minuti

Per maggiori informazioni: marketing@crif.com